20 Suggerimenti rapidi per vendere di più online

Se vendete prodotti on line, che sia un singolo articolo o decine di migliaia, ci sono molti aspetti che potete ottimizzare sul vostro sito web per aumentare le vendite, anche mantenendo la stessa quantità di traffico. Questo processo si chiama ottimizzazione dei tassi di conversione (CRO – Conversion Rate Optimisation) ed è uno strumento di marketing misurabile su cui vale la pena concentrarsi.

Ecco 20 consigli chiave da seguire per aumentare le vendite online dei vostri prodotti

1.Assicuratevi che ogni prodotto abbia una propria pagina.

2.Create una descrizione ad hoc per ogni prodotto, evitate di tagliare e incollare la descrizione fornita dai produttori.

3.Sfruttate le recensioni degli utenti: non solo avrete contenuti unici per ogni prodotto, ma altre persone saranno stimolate all’acquisto.

4.Utilizzate un sistema di shopping semplice. Più passaggi si dovranno compiere tra il clic su “aggiungi al carrello” e il “completa pagamento”, maggiori saranno le probabilità di abbandono del carrello stesso.

5.Tre settimane dopo la transazione inviate un messaggio al cliente e chiedere di lasciare una recensione del prodotto appena acquistato.

6.Date un incentivo ai vostri clienti per lasciare recensioni sui prodotti acquistati sul sito web, ad esempio “Vinci un buono di 200€ per la migliore recensione di questo mese”.

7.Realizzate video prodotto o video recensione dei prodotti: vi consentiranno di aumentare il tasso di conversione, permettendo alle persone di vedere veramente il prodotto. (leggi anche: 5 soluzioni per creare video animati online)

8.Se il prodotto richiesto dal cliente è esaurito, fatevi lasciare i dettagli del cliente per ricontattarlo quando avrete nuovamente disponibilità.

9.Assicuratevi che la navigazione sul vostro sito web sia veloce. Per ogni secondo in più che la vostra pagina impiega per caricare perderete un cliente impaziente (obiettivo 3 secondi, 6 o più secondi è già troppo lento). Potete monitorare la velocità del vostro sito tramite Google Analytics. 

10.Monitorate ciò che la gente sta cercando nel vostro sito web. Potreste scoprire che i vostri clienti cercano prodotti che non avevate preso in considerazione di vendere o che alcuni prodotti vengono ricercati con il nome sbagliato.

11.Create un blog in cui parlate dei vostri prodotti: sconti, offerte e nuovi prodotti in arrivo.

12.Se utilizzate PayPal come pagamento, verificate la progettazione della vostra pagina di pagamento, vi sembra affidabile?

13.Offrite una garanzia di rimborso.

14.Assicuratevi che le persone sappiano esattamente da chi stanno acquistano. Aggiungete il vostro indirizzo a piè di pagina, tutti i vostri indirizzi di contatto  e un recapito telefonico .

15.Siete alla ricerca di una soluzione ecommerce che vi consenta di creare e gestire facilmente il vostro negozio online? Provate a considerare piattaforme come Shopify. La società canadese continua ad innovare la propria piattaforma di shopping per consentirvi di pensare solo a come fornire i migliori prodotti e il miglior servizio ai clienti, del resto se ne occupa lei.

16.Controllate i social network, cosa dicono le persone dei vostri prodotti? Si lamentano? Li apprezzano? Li cercano? (leggi anche: Come e quale social network scegliere per il tuo business)

17.Eseguite “Split test” di prova della vostra pagina prodotto. Se, ad esempio, domani faceste utilizzare al 50% del traffico della vostra pagina il pulsante “aggiungi al carrello” di colore rosso e al restante 50% lo stesso pulsante di colore verde, quale otterrebbe il miglior risultato?

18.Molti clienti accedono al vostro sito ogni giorno, guardano alcuni prodotti, li aggiungono al carrello e poi non terminano l’acquisto. Valutate l’aggiunta di codici di monitoraggio al vostro sito web per monitorare quali prodotti restano “dormienti” nei carrelli e trovare il sistema per spingere le persone a comprarli. Un’idea potrebbe essere una piccola riduzione del prezzo, anche solo del 5%.

19.Quando utilizzate Google AdWords per guidare i clienti ai vostri prodotti, non utilizzate una singola versione dell’annuncio. Create 5, 10 o addirittura 50 versioni dello stesso annuncio e analizzate quale realizza più vendite per poi disattivare gli annunci che non danno risultati. ( leggi anche: Google AdWords funziona davvero? E per chi?)

20.Le Facebook Ads sono un valido strumento per portare contatti alla vostra pagina Facebook, ma devono essere ben pianificate. Se volete utilizzarle nella corretta maniera, assicuratevi che siano destinate al vostro cliente target. Una cosa che non deve mai mancare è quella di includere sempre un’immagine come parte di qualsiasi annuncio di Facebook. (leggi anche: La pubblicità su Facebook funziona davvero?)

Consiglio Bonus #1 – Layout della pagina prodotto

Non abbiate paura di inserire troppe informazioni del prodotto nella sua pagina. Date respiro al testo inserendo diverse intestazioni per le varie tipologie di informazioni, aggiungendo anche più pulsanti “compra adesso” lungo lo sviluppo della pagina.

Ricordatevi che state cercando di rispondere alle domande che il vostro potenziale cliente si pone sul motivo per cui dovrebbe comprare il vostro prodotto: più informazioni fornite meglio è.

Ecco alcune delle informazioni che non dovrebbero mancare nella vostra pagina prodotto:

  • Immagine del prodotto
  • Descrizione. (Assicuratevi che sia unica e non copiate da un’altra fonte)
  • Specifiche tecniche
  • Recensione di un negozio esperto
  • Recensioni e valutazioni degli utenti
  • Recensione video del prodotto
  • Immagini del prodotto in contesti reali
  • Manuale scaricabile in formato PDF
  • Pro e contro. Non tutti gli articoli vanno bene per ogni tipologia di cliente
  • Percentuale di sconto. Quanto costava il prodotto il mese/anno scorso?
  • Qual è il contenuto della confezione del prodotto? Ci sono extra? Attrezzature?
  • Garanzia e informazioni sulle opzioni di spedizione
  • Informazioni su cos’hanno acquistato gli altri clienti
  • Prodotti correlati. Se il cliente arriva alla fine della pagina e non acquista, provate a proporgli un altro prodotto prima che lasci il vostro sito
  • Riepilogo dei prodotti. Inserite una piccola immagine con informazioni di riepilogo e pulsante “compra ora”, sarà un’ultima possibilità di conversione
  • Link a “Seguici su Facebook”
  • Annunci
  • Inserite la call to action “Iscriviti alla Newsletter”
  • Anteprime degli articoli del blog
  • Immagini di prodotti non correlati alla ricerca
  • Evitate troppi passaggi di navigazione o menu con troppe voci

Consiglio Bonus #2 – Non Distraete i clienti

Pensate alla pagina prodotto come ad un imbuto gigante. State “versando” i vostri potenziali clienti dalla cima, con la speranza di farli uscire dalla pagina di pagamento in fondo a questo imbuto.

Ogni volta che i clienti, nel loro percorso d’acquisto, incappano in una distrazione, per voi sarà come se si creasse un buco nell’imbuto. Alcune informazioni che potrebbero sembrare utili, possono invece causare distrazioni e ridurre le vendite.

Nel tentativo di convertire i clienti in vendite, cercate di ridurre gli elementi di distrazione al minimo o, se proprio dovete inserirli, metteteli sulla prima pagina del vostro sito.

Leave a Reply