Startup ecommerce Web Marketing Festival: via alla sfida sull’innovazione

Ci siamo, il Web Marketing Festival è alle porte. Il 23 e 24 Giugno Rimini si trasformerà nel cuore digitale della nostra penisola. Un evento riservato a tutti coloro che si occupano e interessano della rivoluzione digitale e dedicata in special modo agli operatori di web marketing.

L’innovazione è una delle soluzioni per rilanciare il contesto socio economico italiano. Un sistema fermo da troppo tempo che ha bisogno di una rivoluzione per ripartire. L’innovazione digitale può e deve essere una delle vie da percorrere. Imprenditoria e innovazione sono l’unico connubio che può portare ad una crescita costante e duratura.

Startup Competition

Proprio in tema di imprenditoria e innovazione gli organizzatori hanno deciso di promuovere una competition molto interessante: la startup competition. Sfida che andrà a contrapporre tra loro una selezione di progetti imprenditoriali il cui punto di partenza comune è l’innovazione digitale. I partecipanti avranno l’imperdibile occasione di esporre i loro progetti in una delle startup competition più grandi d’Italia, e verranno valutati da un team selezionato di esperti del settore.

Oltre a cercare di aggiudicarsi la vittoria, per le 6 startup finaliste la grande occasione sarà quella che ad assistere all’esposizione dei loro progetti ci sarà una platea composta dai maggiori player del settore digitale, da investitori e da esperti gravitanti nel campo dell’imprenditoria e dell’innovazione che potranno decidere di supportare la realizzazione e la crescita dell’idea di business da loro ritenuta vincente.

Tra i vari progetti presentati, 2 hanno particolarmente colpito noi di ecommerceMAG vista la loro vicinanza al settore ecommerce:

  • Deesup | Second-hand design experience
  • YouDroop

La prima fa parte del settore del design e del Made in Italy mentre la seconda rientra nel settore ecommerce/B2B.

 

Deesup

deesup

Deesup si propone come marketplace per la vendita e l’acquisto dell’arredamento di design di seconda mano. L’obiettivo della piattaforma è quello di rendere accessibile e quindi valorizzare il design firmato. Su Deesup si possono trovare elementi di arredamento, illuminazione, modernariato e complementi con sconti fino al 70% rispetto al prezzo di mercato.

Le procedure di acquisto e vendita vengono effettuate direttamente online. La vendita degli oggetti avviene compilando un form di vendita che verrà poi controllato e valutato da un team di esperti. Solo dopo l’approvazione potrà essere acquistabile fornendo quindi una sorta di certificazione per chi acquista sulla piattaforma.

Sempre per rassicurare ed aiutare i possibili compratori, Dessup impone ai venditori di descrivere in dettaglio le condizioni dell’oggetto in vendita ed il motivo per cui si vuole vendere, garantendo anche il rimborso della spesa sostenuta nel caso in cui il prodotto acquistato non sia nelle condizioni descritte all’atto della vendita. Per incentivare i venditori Deesup fornisce un servizio di pickup gratuito dei prodotti venduti, caricando le spese di spedizione solo su chi acquista il prodotto.

Gli ideatori di Deesup hanno stimato un bacino d’utenza di circa 4 milioni di utenti in tutto il territorio nazionale, numeri davvero interessanti, senza contare che è una business idea facilmente esportabile e riproducibile anche in altri Paesi.

 

YouDroop

youdroop

YouDroop invece è un marketplace specifico per il settore ecommerce/B2B. La business idea di questa startup è quella di permettere alle aziende che hanno un proprio sito ecommerce di vendere i loro prodotti senza doversi preoccupare del magazzino.

Il meccanismo alla base di quest’idea è quello del dropshipping. Il funzionamento è molto semplice: un utente acquista normalmente sul sito ecommerce di un rivenditore. A questo punto entra in campo il dropshipping. La spedizione del prodotto non viene più fatta dal rivenditore da cui si è effettuato l’acquisto ma direttamente dal fornitore eliminando così l’onere della gestione e delle spese di magazzino per i rivenditori.

Ridimensionarsi e ridurre le spese di magazzino è un bisogno sempre più diffuso tra i rivenditori. Il dropshipping va a soddisfare proprio questa esigenza. Per funzionare però, presuppone una forte collaborazione ed uno stretto rapporto di fiducia tra fornitori e rivenditori.

Youdrop utilizza proprio questo meccanismo andando a velocizzarlo e facilitarlo. I fornitori caricano i propri prodotti sul sito di YouDroop. Da qui i rivenditori scelgono quali piazzare sul proprio e-commerce rendendoli direttamente disponibili al cliente finale. YouDroop quindi agevola e rende più veloce il collegamento tra fornitori e rivenditori facilitando quindi il dropshipping.

Il dropshipping allo stato attuale vale 800 miliardi di dollari e YouDroop con le sue 3500 aziende iscritte da 45 paesi del mondo è stata valutata 1.500.000€.

I numeri parlano da soli, è decisamente una business idea che ha colpito nel segno grazie all’innovazione che è riuscita a promuovere nel suo settore.

 

Deesup e YouDroop sono le 2 startup che hanno attirato la nostra attenzione, ma ci sono anche altre realtà con idee altrettanto innovative. Ci vediamo a Rimini per assistere alla competition.

E voi? per chi votereste?

 

Leave a Reply