11 Strategie per far crescere un business online

Per capire come ottimizzare un ecommerce e aumentare conversioni e vendite, bisogna partire dall’analisi dei dati esistenti. Ecco perché SEMrush ha raccolto e analizzato i dati di oltre 8.000 siti di e-commerce, condividendo informazioni utili per valutare il proprio business online e avvantaggiarsi sui competitor.

 

Il 2019 è cominciato da poco, e non c’è momento migliore per tirare le somme, correggere gli errori e prendere la strada giusta per far crescere un’attività di business. In questo senso, conoscere le tendenze in corso e raccogliere dati e informazioni sui principali ecommerce è estremamente utile per affrontare un mercato che è sempre più competitivo.

Da qui nasce un interessantissimo studio di SEMrush, in collaborazione con l’agenzia Hallam, che raccoglie 11 strategie di crescita per ecommerce che potranno tornare utili a chi ha o gestisce un business online e si è posto obiettivi ambiziosi per il 2019.

Le 11 tattiche di maggiore successo sono:

1. Priorità al traffico mobile

È ufficiale: ormai la maggior parte del traffico proviene dai dispositivi mobili. Ecco perché devi investire in un sito completamente responsive e ottimizzato per dispositivi mobili, che possa offrire ai visitatori un’esperienza pari a quella che otterrebbero sul desktop.

2. Ottimizza per il Mobile-First Index

Nel 2019 gli utenti mobili devono diventare la tua priorità. Il traffico da smartphone è in crescita e se il tuo sito non è in grado di soddisfare le esigenze degli utenti mobile, potresti perdere delle opportunità. Che fare? Non indugiare e ottimizza ora il tuo sito per l’indicizzazione mobile-first: potresti vedere il traffico generale del tuo sito aumentare fin da subito, con riflessi positivi anche sulle vendite.

3. Utilizza le SERP Feature

Le funzionalità delle SERP stanno diventando davvero preziose, perché aumentano la visibilità, l’autorità e, di conseguenza, le vendite di un ecommerce. Come evidenziato dai dati di ricerca di SEMrush, i risultati di ricerca nelle prime posizioni spesso mostrano diverse SERP feature. Le più comuni in tutto il mondo sono recensioni, site link, caroselli e immagini.

4. Diversifica il tuo profilo Backlink

L’algoritmo di Google cerca segni di qualità e credibilità. Se il tuo sito riceve backlink da domini autorevoli, per Google sarà un’indicazione che il tuo contenuto è credibile e questo ti aiuterà a posizionarti più in alto nei risultati di ricerca.

5. Investi nella SEO

Il tuo sito deve essere tecnicamente funzionante. Se un motore di ricerca ha difficoltà a eseguire la scansione e a capire il tuo sito, come può proporlo alle persone nella pagina dei risultati?

6. Implementa AMP sulle pagine chiave

La tecnologia AMP è essenziale per consentire alle pagine web di caricarsi più velocemente sui dispositivi mobili, migliorando sensibilmente l’esperienza utente. Tempi di caricamento più rapidi aumentano le probabilità che gli utenti rimangano sul tuo sito, interagiscano con esso e, potenzialmente, acquistino i tuoi prodotti.

7. Ottimizza le immagini per la ricerca e le conversioni

È molto difficile che gli utenti acquistino online se non visualizzano immagini di alta qualità, quindi devi considerare l’ottimizzazione delle immagini una condizione necessaria (ma non sufficiente) per aumentare il tasso di conversione.

8. Implementa i dati strutturati

I dati strutturati ti consentono di comunicare a Google e ai clienti esattamente ciò che vuoi che sappiano sul tuo prodotto e sul tuo sito, in un’unica istantanea facile da comprendere per entrambi.

9. Shopping d’impulso Vs shopping pianificato

Per massimizzare le vendite, devi ottimizzare il tuo sito e le tue campagne pubblicitarie per attirare sia gli acquirenti che programmano i loro acquisti che quelli che agiscono d’impulso.

10. Scegli i giusti modelli di attribuzione

Il processo di acquisto del cliente è spesso più complicato del vedere un annuncio, andare sul sito e acquistare; per l’utente potrebbe essere necessario interagire con più annunci, controllare il sito più volte e magari prima iscriversi a una newsletter. Pertanto, è essenziale prendere la decisione giusta quando si selezionano i modelli di attribuzione, che consentono di valutare quali punti di contatto effettivamente consentono di ottenere le conversioni.

11. Trasforma gli eventi globali in vendite

Gli ecommerce hanno l’incredibile opportunità di sfruttare i principali eventi sportivi: in queste occasioni, infatti, gli utenti spendono più denaro in prodotti che normalmente non comprerebbero.

Un esempio: la Coppa del Mondo 2014. Nel corso dell’evento, il Brasile, paese ospitante, ha registrato un aumento del 27% nelle vendite e-commerce; cosa che ha comportato una spinta stimata di $ 16,6 miliardi per l’economia brasiliana. Inoltre, la Germania ha visto un aumento del 75% nelle attività di ecommerce nei giorni successivi alla vittoria della Coppa del Mondo.

 

Vuoi approfondire?

Scarica gratuitamente l’ebook di SEMrush

 

Leave a Reply