4 fasi fondamentali per creare un sito ecommerce di successo

- Advertisement -

Il commercio elettronico è cresciuto e continua a crescere con velocità e dimensioni vertiginose. Che sia il momento per creare un sito ecommerce e aprire il vostro negozio online? Pur non essendo un’impresa troppo difficile, è fondamentale avere un approccio strutturato che segua gli step necessari per creare un ecommerce vincente. Come? Ecco 4 aspetti che non possono mancare per partire con il piede giusto nella vendita online.

Grazie a strumenti sempre più intuitivi e semplici da utilizzare, oggi aprire uno store online è un’impresa quasi alla portata di tutti. Ma per creare un sito ecommerce di successo e riuscire a vendere online non si può improvvisare: servono tempo, pianificazione e strategia. Se non avete ancora ben chiari i vari passaggi da mettere in atto per avviare uno store online la guida che segue può aiutarvi ad avere un quadro più completo.

4 fasi fondamentali

Nella guida 10 buoni motivi per aprire un negozio online abbiamo parlato di vantaggi e motivazioni. Qui invece passiamo al lato pratico: come fare?
Come per tutte le attività complesse, può essere utile scomporre il procedimento. Vediamo i 4 step, distinti ma complementari, per creare un sito ecommerce: strategico, operativo, promozionale e finanziario.

#1 Strategia e pianificazione

Prima di agire bisogna pensare, soprattutto se la questione è articolata come nel caso dell’apertura di uno store online. Strategia e pianificazione sono i primi scogli da superare e, anche se possono sembrare difficili, sono fondamentali per la buona riuscita dell’impresa. Su cosa, in particolare, dovrete riflettere?

  • Analisi dei competitor: chi sono i vostri concorrenti? Cosa fanno? Come lo fanno? Cosa potete offrire in più? Da cosa potete trarre spunto? Identificare i competitor e analizzare il loro comportamento è un altro passo fondamentale per capire meglio cosa fare o non fare e come farlo bene;
  • Mission e obiettivi: gettarsi a capofitto nelle cose non è mai una buona idea. Prima di tutto bisogna avere ben chiara la propria identità, cosa si sta facendo, dove si sta andando e cosa si vuole fare. Per questo è essenziale definire mission e vision: per identificare con chiarezza gli obiettivi aziendali a breve e a lungo termine e definire lo stile comunicativo che vi caratterizzerà. Può sembrare un’attività meramente teorica, ma ha conseguenza molto pratiche;
  • Scelta dei prodotti/servizi: decidete quali prodotti vendere. L’importante è scegliere un settore di cui si è appassionati, in modo da lavorare con entusiasmo senza rischiare di perdere interesse dopo poco tempo. Inoltre, è utile ricordare che in rete funzionano bene i prodotti di nicchia, difficilmente reperibili nei punti vendita tradizionali. È dunque opportuno fare tutte le ricerche del caso per individuare la miglior nicchia di mercato e cercare di offrire al pubblico prodotti unici, che si possono trovare solo nel vostro negozio;
  • Target: altrettanto importante è definire il pubblico di riferimento. A chi volete rivolgervi? Chi può apprezzare i prodotti o servizi che avete scelto di vendere? Chi può trarne dei benefici (e magari non ne è consapevole)?;
  • Mercati di riferimento: dove volete vendere? La scelta dei Paesi inciderà non solo sulle dimensioni del vostro business, ma anche sulle lingue i cui dovrà essere disponibile il sito e sulle valute di riferimento.

#2 Fase operativa

Ora si può passare all’azione:

  • Selezione del sistema di pagamento: uno degli aspetti più importanti per un negozio online è quello del pagamento. Le opzioni disponibili sono diverse: carta di credito o prepagata, bonifico bancario, Digital Wallet, Bitcoin, contrassegno, e ognuna ha determinati vantaggi e svantaggi. Ciò che bisogna tenere presente è che il sistema di pagamento deve essere sicuro, affidabile, facile da utilizzare, conveniente e conosciuto dal pubblico. Per approfondire: I 6 sistemi di pagamento online più diffusi e sicuri da usare e accettare;
  • Costruzione del negozio: ci si può finalmente dedicare alla creazione dello store online vero e proprio. È il momento di scegliere il layout generale, come impostare l’home page, che deve essere il più possibile logica e intuitiva per facilitare l’utente, di definire le categorie in cui raggruppare i prodotti. A seconda della soluzione ecommerce adottata si avrà un margine di personalizzazione variabile: da un controllo totale su ogni parametro alla semplice selezione di un template predefinito;
  • Scelta della miglior soluzione ecommerce: innanzitutto bisogna scegliere la soluzione ecommerce più adatta in base al budget a disposizione e al livello di conoscenze in campo informatico. Esistono fondamentalmente 3 possibilità: vendita attraverso marketplace esistenti (come Amazon o Ebay), soluzioni hosted “pronte all’uso” e self-hosted. Per una panoramica approfondita con caratteristiche, pro e contro di ogni opzione consigliamo la lettura della guida 3+1 soluzioni ecommerce realmente efficaci per il tuo business online;
  • Scelta del dominio: la scelta di un nome appropriato per il dominio non va sottovalutata perché permette al cliente di trovarvi facilmente in rete. Optate per un nome breve, chiaro e significativo per la vostra attività e successivamente selezionate l’estensione (.com, .it, .net, ecc.);
  • Magazzino e logistica: i prodotti che vendete devono stare da qualche parte e devono essere consegnati in qualche modo. L’aspetto logistico non va sottovalutato ed è meglio pensare con largo anticipo come gestire il magazzino e a chi affidarsi per le consegne;
  • Assistenza clienti: un altro aspetto molto importante è il customer service. I clienti hanno domande e richieste a cui bisogna rispondere, come gestirle? Quali canali intendete sfruttare? Garantire un servizio clienti disponibile e affidabile è un requisito fondamentale per un ecommerce vincente.

sito ecommerce

#3 Promozione

Avere il negozio online migliore del mondo non serve a nulla se nessuno sa che esiste. Promuovere la vostra attività con gli strumenti giusti e sui canali più adatti è un’operazione indispensabile.

  • Marketing: una volta ultimato il sito ecommerce bisogna trovare il modo di portare visitatori e convertirli in acquirenti investendo in efficaci operazioni di marketing. Prima di tutto, dunque, servono contenuti di qualità, testi chiari e comprensibili, immagini ad alta risoluzione e magari anche dei video; in secondo luogo è necessario un buon lavoro di SEO per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca; poi potrete decidere quale strategia adottare per pubblicizzare il vostro ecommerce: e-mail marketing, social media, o altre forme di marketing online adatte alla vostra realtà. Per qualche suggerimento utile: Come pubblicizzare un sito ecommerce? 5 attività da compiere per rendere il vostro negozio on line il più visibile possibile;
  • Sconti: offrire promozioni può essere una buona strategia da adottare in fase iniziale, per farsi conoscere e attirare nuovi clienti. Ma gli sconti sono uno strumento da non sottovalutare anche per premiare i clienti fedeli o aumentare le vendite in particolari periodi dell’anno. Anche questo è un aspetto che va studiato e non improvvisato.

#4 Fase amministrativo-finanziaria

Ultimo, ma non meno importante, il lato amministrativo e finanziario.

  • Adempimenti e normative: per avviare un sito ecommerce ci sono tutta una serie di adempimenti fiscali da tenere presenti, che variano in base al fatto che si inizi una nuova attività o che l’attività sia già esistente e approdi sul web. A riguardo apriremo presto una sezione di approfondimento dedicata, quindi iscrivetevi alla nostra newsletter per rimanere aggiornati.

Come abbiamo visto, costruire un buon sito ecommerce richiede strategia e pianificazione. Se viene fatto con criterio può essere un buon modo per avviare un’attività di successo o portare alla crescita un business già esistente. I 4 aspetti sopra elencati sono un’utile bussola per iniziare a creare un ecommerce con il piede giusto.

Per mettere subito in pratica e comprendere queste tematiche più a fondo, abbiamo realizzato l’ecommerceCANVAS: uno strumento che vi aiuterà ad analizzare tutti questi aspetti e a visualizzare il vostro futuro ecommerce.

 

iscriviti-alla-newsletter

Giulia Simionato
Copywriter e content strategist in continua evoluzione. Laureata in Editoria e Giornalismo, affezionata all’analogico con un’insospettabile passione per il digitale. Anche se non rinuncerei mai a carta e penna, dopo la scoperta del web marketing ho quasi consumato la mia tastiera. Leggo di tutto, dicono che so ascoltare e cerco sempre il modo migliore per raccontare le storie che incontro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Advertisment

Ultimi articoli

E-commerce, normativa: come adeguare il tuo e-commerce alle norme di legge?

Quali sono le norme principali da considerare per gestire il business on-line in modo conforme alle normative? 4 aspetti su cui concentrarsi: Informazioni obbligatorie, Percorso d'acquisto, Garanzia del rispetto dei diritti del consumatore, Adeguamento alla privacy.

3 buoni motivi per aprire un temporary store

Un temporary shop può essere la soluzione ideale per integrare mondo virtuale e fisico. Quali sono i vantaggi? Ecco 3 buone ragioni per aprire un temporary.

E-commerce, costi: quanto costa realizzare e mantenere un sito e-commerce in Italia?

Un ecommerce è un’attività commerciale a tutti gli effetti e come tutte le attività commerciali ha dei costi da sostenere. Scopriamo quali sono i costi di un ecommerce.